2 giorni a Parigi, il mio solito posto.

Una terrazza sul tramonto di Parigi

Se avete in programma di trascorrere 2 giorni a Parigi, chiudete subito le guide che vi promettono di scoprire l’intera città!

2 giorni a Parigi bastano a malapena per vedere il Louvre, che escluderei dalle cose ‘obbligatorie da fare’ in così poco tempo. A meno che non facciate come me, che una volta ho pagato il biglietto per vedere la Nike di Samotracia e uscire subito dopo, quasi correndo come nella scena del film Bande a part.

Parigi è una città da respirare oltre che da guardare, e la vera cosa da fare è perdersi nella sua atmosfera, passeggiando con un pain au chocolate in mano.

E’ di questo che vi racconto nel mio piccolo diario, 2 giorni a Parigi lontani da Louvre, Tour Eiffel e Arch du Trionfe, ma dentro alle piccole strade che rendono grandiosa questa città.

Ho perso il conto delle volte che ci sono venuta, eppure sono di nuovo qui, nella solita casa sul tetto del solito quartiere, il Marais. Ho voglia soltanto di passeggiare senza una mappa, fare colazione nello stesso bar e incontrare qualche amica, godendomi la sensazione di sentirmi a casa altrove.

2 giorni a parigi francesca es
La casa nel Marais è della mia amica Dulce, una stilista venezuelana che di questa città mi ha insegnato tanto, a partire dai marche aux puches, dai quali arrivano gli arredi e i tessuti di questo soggiorno.

Ogni mattina arrivo a piedi in Boulevard Beaumarchais per sedermi nel ‘Cafè dei libri usati‘ di MERCI. Lavoro qualche ora da qui con una fetta di Tarte au citron accanto al computer, prima di perdermi nei tre piani del mio negozio preferito al mondo!

2 giorni a parigi cafè dei libri usati merci
Il mio ‘ufficio’ a Parigi 🙂
2 giorni a parigi merci
La corte fra il ‘Cafè dei libri usati’ e il negozio di Merci
2 giorni a parigi merci
La porta del negozio MERCI
2 giorni a parigi merci
Da qui esco sempre con pochi acquisti (i prezzi sono alle stelle!) ma con un carico di idee! Stavolta ho capito cosa fare con i frantumi del mio vecchio lampadario di Murano!

Dietro l’angolo di MERCI c’è un altro negozio della perdizione, si chiama BONTON, ed è il paradiso di chiunque sia rimasto un po’  bambino! Tre piani di giochi, accessori per la cameretta e vestitini per piccoli principi! Impossibile uscirne a mani vuote, fosse soltanto per portarsi a casa un regalino impacchettato da loro!

2 giorni a parigi bonton
L’ingresso di Bonton in Boulevard des Filles du Calvaire

due giorni a parigi shopping bonton

Tornando verso il cuore del Marais non manco mai di attraversare i portici di Place des Voges, per sedermi su una panchina in adorazione dei tetti blu!

2 giorni a parigi place des voghe
Le mie adorate simmetrie di Place des Voges

E se siete di passaggio nel Marais, e  come me amate decorare la vostra casa non perdetevi Caravane in Rue Pavèe! Tessuti lussuosi in stile contemporaneo e orientaleggiante, e tante idee da rubare con gli occhi!

2 giorni a parigi shopping caravane

Dopo aver oltrepassato ogni limite di budget con lo shopping, ho optato per un pranzo economico a L’As du Fallafel nel quartiere ebraico della città (sempre nel Marais). Qui si mangia il fallafel più buono di Parigi, ed è uno dei pochi posti al mondo per il quale sono disposta a sopportare un po’ di fila prima di sedermi!

Se proprio non volete aspettare, potete scegliere il take away, ma vi avverto che affrontare il fallafel straripante di ogni ben di Dio, non sarà per nulla semplice!

2 giorni a parigi l'ars du fallafel
Adoro il locale L’As du Fallafel, quel brutto (e trash) che piace a me!

Prima di rincasare mi sono fermata da Bontemps, il tempio dei bonbòn! Ho comprato una tarte au chocolat e sulla creme ganache ho piantato una bella candelina! (Il mio compleanno è passato ormai da un pezzo ma una torta così non l’avevo ancora mangiata!)

2 giorni a parigi bontemps
La vetrina di Bontemps in Rue de Bretagne

Il secondo pomeriggio, l’ultimo dei miei 2 giorni a Parigi, ho fatto una lunga passeggiata fino al I arrondisment (quello del Louvre).

Là intorno ci sono tutti i negozi del lusso parigino, da Colette ai classici Louis Vuitton, Hermes, Yves Saint Laurant e chi più ne ha più ne metta, ho dato uno sguardo veloce alle vetrine e mi sono seduta su una delle ‘colonne di Buren’ nel cortile del Palais Royal.

A pochi passi da lì sono entrata nella Galerie Lafayette solo per guardare l’immenso albero di Natale sospeso sotto la cupola d’oro. E poi lo ammetto! Sono salita in terrazza cercando con lo sguardo la Torre Eiffel!

2 giorni a parigi torre eiffel
Mi è bastato vederla piccola così la Tour Eiffel, colorata di rosa dal tramonto dell’ultima sera a Parigi, fra le lucine d’oro della città che si vestiva da sera.

La più grande scoperta della zona è stata però il negozio di ceramiche Astier de Villatte in rue Saint Honorè! Scaffali fino al soffitto colmi di ceramiche color latte, così belle che anche Alice sarebbe scappata dal Paese delle Meraviglie per prendere un tè con Benoit e Ivan, i designer di questo posto, che definiscono lo stile delle loro creazioni je ne sais quoi, ‘quel certo non so che’.

Io invece lo so benissimo che avrei comprato tutto! 

2 giorni a Parigi
Ho lasciato un pezzettino di cuore dentro una tazzina da caffè, ma torerò a riprendere entrambi la prossima volta a Parigi!

E non potevo ripartire senza riempire i miei occhi di arte!

Quando vengo a Parigi per pochi giorni vado sempre a vedere le ninfee di Monet al Musee de l’Orangerie, un’antica serra di aranci che ospita le enormi tele. Due sale ellittiche nelle quali tuffarsi tra i fiori del lago dipinto da Monet!

Questa volta però ho scelto di vedere Gaugin e Irving Penn, le due esposizioni temporanee che offriva il Grand Palais.

2 giorni a Parigi Irving Penn
Il fondale di Irving Penn al Palais Royal

 

E nel grigio fondale di Irving Penn ho racchiuso tutti i colori dei miei 2 giorni a Parigi!

Written By
More from Moon Diaries

viaggio alle Hawaii, le isole selvagge!

Dalle foreste del Kerala alla steppa patagonica passando per l’immensità dei Canyon...
Read More