cosa vedere a Marrakech. Le mie 8 (infinite) tappe

cosa vedere a marrakech francesca es
Nel labirinto della Medina fioriscono i giardini dei riad

Cosa vedere a Marrakech: dall’euforia di Jemaa el-Fna ai giardini segreti della Medina. Senza dimenticare (e come potrei?) lo shopping nei suq e le delizie della cucina marocchina!

Cosa vedere a Marrakech ? Se state pensando a un viaggio in Marocco, la città di Marrakech è assolutamente imperdibile! 

Marrakech è un mondo esotico a un passo da noi, lontano dalla routine ma avvolgente come le fiabe delle Mille e una Notte. Una vacanza perfetta se estesa verso le sabbie d’oro del Sahara, ma anche meta ideale per la fuga leggera di un weekend da sogno. 

E’ stata una follia d’amore a portarmi a Marrakech la prima volta, un giro di mappamondo a occhi chiusi e l’indice puntato a caso su quella città sconosciuta. A volte il destino disegna strade migliori di quelle che possiamo immaginare!

Marrakech è il profumo del tè alla menta che luccica sui vassoi ricamati nelle strade polverose. E’ il vapore di un hammam, la dolcezza della mandorla e un giardino segreto che si apre all’improvviso nel labirinto di strade. E’ il caos di Jemaa el-Fna, le voci dei suoi mercanti mescolate alle preghiere e ai flauti che incantano i serpenti. Ed è la quiete dei riad che si aprono come piccoli Eden nei vicoli oscuri.

Ma il primo ricordo, se vi chiedete cosa vedere a Marrakech, è la sua luce. Quella soffusa delle candele che illuminano la cena, e quella fortissima del pomeriggio che filtra dai soffitti improvvisati nei suq, con raggi tanto pieni che sembra di poterli toccare. 

Per assaporare la città sono sufficienti due o tre giorni e in questo post ho racchiuso tutti i miei consigli su cosa fare e cosa vedere a Marrakech. 

Cosa fare e cosa vedere a Marrakech

1- Perdersi nella Medina

La Medina è la città antica, il cuore di Marrakech racchiuso fra antiche mura color ocra, che pulsa fra palazzi senza tempo, mercati e moschee. Al centro la grande piazza Jemaa el-Fna, dove la massa di turisti curiosi si mischia agli abitanti vestiti con caffettani e gellabe.

Da là si dipartono le vie che si fanno sempre più strette fino a diventare vicoli ciechi e bui, il brusìo della folla scompare e quando pensi di esserti smarrito nel labirinto, incontri la porta dorata di qualche Riad che nasconde un giardino incantato.

2- Dormire (e vivere) in un riad

Nel caos della Medina esistono piccole oasi di pace e silenzio. Sono i riad, le antiche dimore marocchine con una fontana per cuore e il canto degli uccellini come musica. Le camere si sviluppano tutte intorno al cortile, ognuna con un sapore diverso, spesso coloratissime e ricche di tessuti, tappeti, decorazioni e intarsi. 

cosa vedere a marrakech riad mouassine
Riad Mouassine (Adoro lo stile marocchino e gli perdono qualunque eccesso!)

Impossibile immaginare dalla strada la meraviglia celata dietro la porta dei riad, che si trovano spesso in vicoli bui, desolati e senza uscita, tanto che la loro bellezza prorompente e inaspettata mi fa pensare a una metafora della vita, che ti sorprende proprio quando hai perso ogni speranza. 

In cima alla mia lista “ cosa vedere a Marrakech ” c’è quindi dormire e vivere la vita del riad. Lusso calma e voluttà dalla colazione sui tetti fino alle cene più romantiche con le tovaglie cosparse di petali. Quanto vorrei chiudermi adesso in quella bolla magica sorseggiando un tè alla menta!

cosa vedere a marrakech rihani riad
La terrazza del Riad Le Rihani

cosa vedere a marrakech riad
Riad Le Rihani

Nel prossimo post scriverò una lista dei miei 5 riad preferiti, alcuni dei quali davvero a buon prezzo. 

3- Tramonto a piazza Jemaa el Fna

Quando si avvicina l’ora del tramonto e il sole sfiora le sommità della Koutoubia, la grande piazza di Marrakech si trasforma nel centro dell’universo. Ogni giorno una folla densa e variopinta accorre a Jemaa el-Fna come fosse capodanno, e tra i fumi dei chioschi si amalgama con i turisti provenienti da ogni parte del mondo. 

jemaa el fna marrakech

La piazza si fa teatro delle antiche tradizioni popolari e le persone si ammassano in cerchi stretti attorno a saltimbanchi, guaritori, storyteller, incantatori di serpenti, danzatrici e musicisti, ma anche attorno a chi un mestiere non ce l’ha e se lo inventa sul momento.

La pesca delle bottiglie e il gioco del “lotto” 🙂

E’ bellissimo passeggiare là in mezzo e sentirsi parte di un mondo così diverso che non ti respinge, ma al contrario attrae e accoglie.

Altrettanto suggestivo è guardare la piazza dall’alto. La vista più bella è quella dal Grand Balcon du Cafè Glacier. Anche se non sarete gli unici a godere di quell’incredibile visione (all’ora del tramonto il balcone è letteralmente preso d’assalto!) vale comunque la pena affacciarsi da lì. 

Si accede pagando all’ingresso una bevuta a scelta fra un tè alla menta e una bibita, ovviamente analcolica.

4- Un tè in giardino (Majorelle e Secret)

Se non si fosse ancora capito vi ripeto il mio amore sconfinato per i giardini di Marrakech! Caotici, tropicali e spettinati come noi italiani possiamo solo sognare, si trovano in dimensione mignon nei riad ma anche in giro per la città.

I più conosciuti sono i Giardini Majorelle e non mi dilungherò molto perché sono davvero famosissimi! Creati dal pittore Jaque Majorelle agli inizi del ‘900 come fonte d’ispirazione, i giardini ospitano ancora oggi un tripudio di piante. Dalla foresta di bambù all’ingresso, passando attraverso banani, palme e laghetti di ninfee si arriva al giardino di cactus di fronte alla villa blu, che dopo Majorelle fu dimora di Yves Saint Laurant. 

cosa vedere a marrakech giardini majorelle
Blu Majorelle!

La mia ode va a quella tonalità di blu, fra il cobalto e l’oltremare ma luminoso come il sole, che si chiama proprio “blu Majorelle” e riempie lo sguardo anche sotto un cielo piovoso come quello che ho trovato io.

cosa vedere a marrakech majorelle
La boutique e il cafè dei giardini Majorelle

Ma il mio Eden preferito è Le Jardin Secret, un giardino incantato che si apre a sorpresa proprio nel cuore della Medina. 

Fuori la polvere e le voci del suq, dentro il profumo rigenerante delle piante e il gorgoglio delle fontane che dividono il giardino islamico in quattro parti. Geometrie ordinate e siepi di rosmarino contengono una varietà selvaggia di piante mediterranee: mandarini, ulivi, fichi e melograni su un tappeto di Stipa tenuissima che ondeggia morbido a ogni soffio di vento.

Quando ci si sente persi nel dedalo della Medina, Le Jardin Secret è il luogo perfetto, pronto a coccolarti con un tè alla menta all’ombra delle palme, una libreria e una boutique di prodotti tipici marocchini.

cosa vedere a marrakech le jardin secret

cosa vedere a marrakech jardin secret
La fontana del Jaridin Secret e la Stipa tenuissima

5- Shopping. Suq o non-suq?

Suq (mercato)

I veri affari a Marrakech si fanno nel suq (o souk), ma a guadagnarci non sarete voi! Per i mercanti della Medina vendere è un’arte antica di otto secoli! Con un francese misto a inglese condito con due parole di italiano, raccontano storie fantastiche alle quali è impossibile fuggire senza aver messo mano al portafoglio. 

Dal primo viaggio a Marrakech sono tornata con una quantità di cose che ancora stento a credere, fra le quali due lavandini avvolti in un tappeto e trasformati in bagaglio a mano, due teiere, un vassoio, tre paia di babbucce e chissà cos’altro sfugge ai miei ricordi. 

cosa vedere a marrakech epices
Place Rahba Kedima (piazza delle spezie)

Stavolta ero preparatissima agli affari al costo di trattative estenuanti, ma devo ammettere che la seconda volta al suq non è mai come la prima, quando a ogni angolo ci si innamora di qualcosa. Ho comprato molto meno ma con consapevolezza. In un prossimo post vi spigherò come trattare e fino a che prezzo spingervi.

cosa vedere a marrakech souk
Le ceramiche verdi di Tamegroute e una bottega di spezie
cosa vedere a marrakech suq
Tè alla menta e teiere!

Fuori dal Suq

Fuori dal suq non solo finiscono le trattative, ma i prezzi salgono fino a oltrepassare quelli europei. Se cercate uno stile marocchino più raffinato o semplicemente un’ispirazione, vi consiglio due zone con alcuni negozi molto carini. 

Una di queste è Gueliz, un quartiere in stile coloniale a ovest della Medina, che ho raggiunto passeggiando lungo il viale di mandarini che costeggia la trafficata Avenue Mohammed V. 

In una via di questo quartiere che si chiama Rue des Vieux Marrakechi, ho scoperto un paio di boutique interessanti: Michele Baconnier, un negozio di abiti coloratissimi dove troverete la stilista in persona con le sue creazioni ispirate ai viaggi in Asia; e Quartet, negozio che racchiude le creazioni di varie stiliste marocchine.

cosa vedere a marrakech shopping2

Poco più avanti, all’ingresso dei Giardini Majorelle c’è The Moroccans, un concept store. Trovate dai prodotti per il corpo a basa di argan ai vestiti e agli arredi. Stile sofisticato che si fa pagare.  

Leggermente fuori dal suq invece, in una via che si chiama Sidi Abdel Azize Amsfeh, ci sono diverse botteghe di abbigliamento che in poco tempo vi confezionano abiti su misura molto chic e c’è anche il grazioso negozio di Sarah Maj (stilista marocchina). 

cosa vedere a marrakech shopping
Sarah Maj e un negozio sartoriale

6- Food! La Cousine Marocaine 

Adesso che vi ho raccontato cosa vedere a Marrakech, andiamo dritti al punto! Che si mangia?

Nell’imbarazzo della scelta partirò dal dessert!

Ho camminato 3 chilometri alla ricerca della pasticceria più buona di Marrakech (per poi scoprire che lo stesso negozio era anche a due passi dal mio riad). 

jawda marrakech

Si chiama Al Jawda ed è in rue de la Liberté nel quartiere Gueliz. Una vetrina di meraviglie che ricompensa una commessa non proprio simpaticissima! Mi ha vietato di fare foto all’interno, ma ho comprato pasticcini e rubato ricette per voi! Presto aggiornamenti su questi schermi 😉

cosa vedere a marrakech pasticceria

Tornando all’antipasto, dal tè alla menta ai sapori speziati dei tajne fumanti, ADORO qualsiasi sapore marocchino e in questo viaggio ho sperimentato veramente di tutto! 

Vi consiglio tre posticini buoni e belli:

1- NoMad su Place des epices per un’insalata marocchina con vista sulla piazza più vivace del suq. Perfetto quando il time-out dallo shopping è strettamente necessario.

cosa vedere a marrakech nomad
Pranzo a NoMad su piazza delle spezie

2- Dar Cherifa per una cena romantica e buonissima in uno dei più bei riad della Medina. Decorazioni a muqamas (nido d’ape), maioliche e petali di rosa illuminati dalle luci romantiche delle candele.

cosa vedere a marrakech ristoranti
Dar Cherifa – Riad Le Rihani

3- Ultimo ma non ultimo: prenotate una cena nel vostro riad! La cucina marocchina richiede tempi di preparazione lunghissimi, ragione per cui per assaggiare un piatto completamente espresso è meglio ordinarlo con largo anticipo. Solitamente i riad cucinano pochi piatti tradizionali ma davvero squisiti. La nostra cena migliore è stata quella al Riad Rihani dove abbiamo alloggiato due notti! 

7- Un massaggio in un hammam

Onestamente sono entrata in un vero hammam solo una volta a Istanbul, e mi ero promessa di dedicarmi qualche ora di perdizione a Marrakech ma non ho avuto il tempo, o meglio, la voglia di esplorare la città mi ha portata altrove. Comunque ce ne sono di bellissimi, ho fatto capolino da Pure Bliss un hammam in Rue Mouassine giusto per prendere il listino e fantasticare sul prossimo viaggio.

8- Un henné in Place des Epices

Dato che amo il Marocco (non si era capito, vero?) prima di ripartire cerco sempre di portarmene un pezzo a casa. Quindi oltre riempire la valigia di spezie, profumi e teiere ho fatto un tatuaggio all’henné con disegno tipico marocchino (almeno così me lo ha venduto la ragazza in piazza delle spezie) che ancora adesso vedo sulla mia mano mentre digito sulla tastiera e sogno Marrakech!

cosa vedere a marrakech hennè

E dopo avervi raccontato cosa vedere a Marrakech vi lascio alcuni consigli pratici:

1- Partendo dal vostro arrivo, in aeroporto contrattate sempre la tariffa prima di salire sul taxi verso la città. Tanti tassisti furbetti e pochi tassametri 😉

2- Se il vostro riad è nella Medina (come vi auguro) il taxi vi lascerà alle porte della città e vi perderete subito nel labirinto di strade. A quel punto incontrerete qualcuno (è matematico!) che si offrirà di aiutarvi a trovare il riad o il ristorante in cambio di soldi. Può darsi che non abbiate altra scelta, tenete quindi a portata di mano qualche dirham oppure giocate d’anticipo chiedendo al guardiano del Riad di venirvi incontro.

3- cosa vedere a Marrakech ? né gambe né scollature 🙂

Ragazze, copritevi! Non perché sia pericoloso il contrario ma per rispetto delle tradizioni islamiche. A Casablanca dove il turismo è meno abituale sono uscita con un vestito sotto il ginocchio e mi sentivo come nuda! Sebbene Marrakech sia fra le città più aperte trovo comunque rispettoso ricordarsi della loro cultura.

casablanca francesca es
io e il mio vestitino a Casablanca

4- Detto che nessuno di noi può sfuggire incolume dal suq, armatevi di pazienza e trattate sul prezzo. Può scendere moooolto più di quello che potete immaginare, ma ripeto: serve calma, cortesia e un pizzico di empatia.

Spero che questo post possa ispirarvi e se viaggiando nella mia città del cuore scoprite nuovi posticini scriveteli nei commenti e li aggiungerò alla mia lista su cosa vedere a Marrakech!

Ricapitolando: dove dormire, mangiare e cosa vedere a Marrakech:

1- Perdersi nella Medina

2- Dormire in un Riad: Riad le Rihani 

3- Guardare un tramonto a piazza Jemaa el-Fna

4- Sorseggiare un tè in giardino: Jardini Majorelle ; Le Jardin Secret

5- Shopping: Michèle Baconnier e Quartet in Rue du Vieux Marrakechi ; The Moroccans

6- Food: Nomad ; Dar Cherifa

7- Rilassarsi in un Hammam

8- Tatuarsi con l’henné 

Written By
More from Moon Diaries

USA on the road, 5 insolite tappe

C’è chi parte all’improvviso senza un itinerario in mente, e chi pianifica le...
Read More